Iniziale > 📔 Guide informative > Effetti collaterali del modafinil e come evitarli

Effetti collaterali del modafinil e come evitarli

Questa pubblicazione è disponibile anche in: English Français Deutsch Русский Español

Modafinil è un potente farmaco nootropo ed eugeroico (un farmaco che stimola lo stato di veglia).

È famoso tra studenti universitari e dirigenti d’azienda per la sua capacità di aumentare il rendimento e l’efficienza.

Come per qualsiasi altro farmaco per il migliorameto delle prestazioni, possono verificarsi degli effetti collaterali.

Analizziamo quali sono effetti collaterali del modafinil, perché si verificano, con quale frequenza e cosa è possibile fare per evitarli.

Evidenziamo anche quali sono gli effetti collaterali più gravi e cosa fare qualora si manifestassero.

Per cosa si utilizza modafinil?

I medici prescrivono modafinil per patologie che coinvolgono il sistema nervoso centrale. Disturbi come ADD/ADHD (disturbo da deficit di attenzione/iperattività) e narcolessia sono le indicazioni più comuni del farmaco. Tuttavia, sono previsti anche molti utilizzi off-label.

Raccomandiamo ai nostri clienti nell'Unione Europea 🇪🇺 (Italia 🇮🇹, Spagna 🇪🇸, Germania 🇩🇪, Francia 🇫🇷, ecc.) e 🇨🇭 Svizzera di acquistare Modafinil da Eufinil >>>, l'unico venditore che spedisce da uno stato membro dell'UE (dalla Germania) per evitare di pagare tasse doganali o altri costi aggiuntivi dall'ufficio postale. Eufinil offre consegne al 100% di successo in Italia >>>

Modafinil è un prodotto eccellente; Mi aiuta davvero a dare una spinta in più quando lavoro due lavori o faccio un turno di notte. Inoltre aiuta il mio umore e il mio benessere generale. Nessun effetto collaterale, funziona davvero bene, davvero.

1. Modafinil per l’ADHD

L’ADHD è una patologia che comporta uno squilibrio nei livelli di dopamina.

La dopamina è un importante neurotrasmettitore del cervello. È parte integrante del “sistema di ricompensa cerebrale”, nonché dell’apprendimento e della memoria.

Bassi livelli di dopamina rendono più difficile innescare il sistema di ricompensa cerebrale, pertanto i soggetti che ne sono interessati devono lavorare di più per stimolarlo. I risultati sono un’irrequietezza eccessiva e l’incapacità di concentrarsi su un singolo compito.

Modafinil contribuisce ad aumentare i livelli di dopamina nel cervello, limitando la velocità alla quale viene riassorbita nel neurone. Il termine ufficiale per indicare questa azione è “inibitore della ricaptazione della dopamina”.

2. Modafinil per la narcolessia

La narcolessia è una patologia che comporta una disfunzione nel sistema delle oressine.

L’oressina è una parte importante del nostro sistema nervoso centrale a cui spetta il compito di controllare il ritmo sonno-veglia, in particolare lo stato di veglia. Il ritmo sonno-veglia è essenziale per farci sentire stanchi di notte e svegli di giorno.

I soggetti affetti da una disfunzione di questo sistema possono diventare improvvisamente molto stanchi in momenti inappropriati della giornata. È esattamente il caso della narcolessia.

Si tratta di una condizione debilitante che causa un’eccessiva sonnolenza fino ad addormentarsi profondamente per diversi minuti.

Modafinil agisce aumentando i livelli di oressina nel cervello, facendoci sentire svegli e attenti. Nei narcolettici, può notevolmente ridurre i sintomi della malattia, mentre nei soggetti sani, costringe a rimanere svegli.

3. Utilizzo off-label di Modafinil

Benché modafinil sia un farmaco su prescrizione, è diventato popolare al di là degli usi previsti. La gente lo usa per sfruttare la sua capacità di aumentare i livelli di dopamina oltre il normale, migliorando così l’attenzione e la produttività.

Modafinil è utilizzato anche per i suoi effetti che favoriscono lo stato di veglia (eugeroici).

Gli studenti lo assumono per restare svegli per molte ore a studiare in preparazione di un esame importante o per portare a termine un progetto particolarmente difficile.

Molti usano modafinil anche per combattere le ripercussioni negative del jet lag. Invece di autocostringersi ad addormentarsi e sentirsi intontiti il giorno seguente, prendono modafinil quando dovrebbero stare svegli. Di solito, quando gli effetti del farmaco iniziano a svanire, alla fine della giornata, sono stanchi e pronti per andare a letto.

Come funziona modafinil

Per riassumere gli effetti collaterali del modafinil e descrivere come prevenirli, è importante capire come agisce sul cervello.

1. Gli effetti del modafinil sulla dopamina

Come accennato, la dopamina è un importante neurotrasmettitore. Svolge molti compiti nell’organismo, compresa la regolazione dell’attenzione e della concentrazione. La dopamina è essenziale anche per regolare l’equilibrio ormonale negli uomini e nelle donne.

Modafinil è finalizzato ad aumentare la dopamina nel cervello inibendo la sua ricaptazione nelle sinapsi.

I neuroni rilasciano dopamina per trasferirsi dei messaggi. Una volta inviato un messaggio, la dopamina viene riassorbita e scomposta. Modafinil blocca questo processo inibendo i trasportatori della dopamina situati nelle cellule nervose.

2. Gli effetti del modafinil sulla norepinefrina

La norepinefrina è coinvolta nella risposta di lotta o fuga. I suoi livelli nel nostro organismo sono inferiori quando dormiamo e aumentano quando iniziamo a svegliarci. I livelli di norepinefrina arrivano alle stelle quando siamo stressati o in preda al panico.

Sulla norepinefrina, modafinil funziona in modo simile alla dopamina. Uno dei motivi è che la dopamina è un essenziale precursore della norepinefrina e, quindi, segue molte delle stesse vie.

La norepinefrina agisce su una speciale serie di recettori dell’organismo che controllano la risposta di lotta o fuga.

Gli effetti della norepinefrina sull’organismo:

  1. Le vie aeree si dilatano per far entrare più ossigeno
  2. Il cuore batte più veloce per far circolare il sangue più rapidamente
  3. I sistemi immunitario e digestivo si bloccano per destinare più energia ad altri apparati, come quello muscolare e cerebrale.
  4. I vasi si restringono per aumentare la pressione sanguigna e spingere il sangue nei microcapillari con più forza

Molti effetti collaterali di modafinil si devono all’effetto esercitato sulla norepinefrina e al suo ruolo nella risposta allo stress.

3. Gli effetti di modafinil sull’oressina

L’oressina è un neurotrasmettitore rilasciato dal centro di controllo del cervello, l’ipotalamo.

L’ipotalamo, con l’aiuto degli altri ormoni, controlla molti aspetti dell’organismo. È un po’ il sistema di controllo del traffico aereo del cervello. Delega agli altri organi il compito di attuare le sue richieste. Delegando questi compiti, può concentrarsi sul quadro generale e assumere il controllo dell’intero organismo.

L’ipotalamo usa l’oressina per attuare le sue richieste di veglia ed eccitazione.

L’oressina viaggia verso altre zone del cervello per avviare la “modalità sveglia”. Ciò si traduce in una sensazione di attenzione e prontezza. Questo sistema è naturalmente attivo di mattina e a metà pomeriggio.

È stato dimostrato che modafinil aumenta l’attivazione dei neuroni responsabili del rilascio di oressina nel cervello [1]. Si tratta del meccanismo che si ritiene essere responsabile dei benefici di modafinil per la cura della narcolessia, che è nota come patologia che riguarda una scarsa funzionalità dell’oressina [2].

4. Gli effetti di modafinil sull’istamina

L’istamina è un altro composto multifunzionale del corpo umano. Al di fuori del cervello, l’istamina è un’importante molecola antinfiammatoria. È una delle cause principali dei sintomi che manifestiamo durante una reazione allergica.

L’istamina è anche un importante neurotrasmettitore del cervello, ma qui ha un compito molto diverso. Svolge un ruolo molto importante nel risveglio [3].

È proprio per questo motivo che gli antistaminici, spesso utilizzati per le allergie, possono essere usati anche come sedativi. Bloccando l’istamina, il cervello non riesce a stimolarsi, facendoci sentire stanchi e storditi.

È stato dimostrato che modafinil aumenta il rilascio di istamina nel cervello fino al 150% [4].

Dove acquistare modafinil

Modafinil può essere acquistato con una prescrizione medica in farmacia, anche se può risultare molto costoso e pressoché impossibile se non si può dimostrare di essere affetti da ADHD o narcolessia.

La soluzione migliore è acquistare modafinil online.

La maggior parte dei rivenditori online vende modafinil generico, che è praticamente identico a quello di marca, ma costa solo una frazione del prezzo. Inoltre, pochi rivenditori online richiedono una prescrizione per l’acquisto.

Le versioni generiche di modafinil e armodafinil, come Modvigil, Modalert, ArtvigilWaklert, possono essere acquistate a un costo inferiore rispetto alle versioni di marca e vengono spedite direttamente a casa dell’acquirente.

  • Modalert 200 mg
  • Modvigil 200 mg
  • Waklert 150 mg
  • Artvigil 150 mg
  • Modalert 200 mg
  • Azienda
  • Ingrediente principale

    Modafinil

  • Prezzo da


    1,49
    in 3-5 giorni >

  • Dosaggio


    Tra 50 e 200 mg
    al giorno

  • Coupon


    Pagamento con
    criptovaluta -35%

  • Adatto per
    1. Attenzione

    2. Concentrazione

    3. Agilità

    4. Energia

    5. Motivazione

  • Ore di efficacia
    • Ascesa 1

    • Picco 6

    • Calo 2

  • Acquista ora
  • Modvigil 200 mg
  • Azienda
  • Ingrediente principale

    Modafinil

  • Prezzo da


    1,49
    in 3-5 giorni >

  • Dosaggio


    Tra 50 e 200 mg
    al giorno

  • Coupon


    Pagamento con
    criptovaluta -35%

  • Adatto per
    1. Attenzione

    2. Agilità

    3. Energia

    4. Capacità cognitiva

    5. Motivazione

  • Ore di efficacia
    • Ascesa 2 ore

    • Picco 5 ore

    • Calo 3 ore

  • Acquista ora
  • Waklert 150 mg
  • Azienda
  • Ingrediente principale

    Armodafinil

  • Prezzo da


    1,49
    in 3-5 giorni >

  • Dosaggio


    Tra 50 e 150 mg
    al giorno

  • Coupon


    Pagamento con
    criptovaluta -35%

  • Adatto per
    1. Concentrazione

    2. Agilità

    3. Energia

    4. Capacità cognitiva

    5. Motivazione

  • Ore di efficacia
    • Ascesa 3 ore

    • Picco 8 ore

    • Calo 1 ore

  • Acquista ora
  • Artvigil 150 mg
  • Azienda
  • Ingrediente principale

    Armodafinil

  • Prezzo da


    1,49
    in 3-5 giorni >

  • Dosaggio


    Tra 50 e 150 mg
    al giorno

  • Coupon


    Pagamento con
    criptovaluta -35%

  • Adatto per
    1. Concentrazione

    2. Agilità

    3. Capacità cognitiva

    4. Motivazione

  • Ore di efficacia
    • Ascesa 2 ore

    • Picco 6 ore

    • Calo 2 ore

  • Acquista ora

Quali sono gli effetti collaterali del modafinil?

Ora che conosciamo i cambiamenti apportati da modafinil al cervello per produrre i suoi effetti, possiamo iniziare ad analizzare gli effetti collaterali più comuni associati a esso e a trovare possibili tecniche per evitarli.

I principali effetti collaterali di modafinil includono:

1. Insonnia

L’insonnia è di gran lunga l’effetto collaterale più comune di modafinil.

Si tratta di un effetto logico se si considera il fatto che la maggior parte degli effetti di modafinil è finalizzata ad aumentare lo stato di veglia. Se le concentrazioni del farmaco rimangono elevate quando è ora di andare a letto, sarà molto difficile addormentarsi.

Questa è la diretta conseguenza della maggior concentrazione di oressina, istamina e norepinefrina nel cervello.

Come evitarlo:

Un motivo comune per cui si soffre di insonnia dopo aver assunto modafinil è che l’assunzione avviene troppo tardi. Considerate il fatto che modafinil resta attivo per circa 10-15 ore.

Questo significa che, per ridurre le possibilità di rimanere svegli di notte, è necessario assumere modafinil di mattina presto o almeno 10 ore prima di andare a dormire.

È anche importante evitare qualsiasi altra sostanza eccitante quando si assume modafinil affinché i loro effetti non si accumulino.

2. Cefalea

Un altro effetto collaterale comune di modafinil è la cefalea.

Si tratta di un effetto indesiderato che alcuni consumatori non riescono a evitare, mentre altri non ne sono colpiti.

Nonostante le cause possibili siano molte, la più probabile è un aumento di un neurotrasmettitore chiamato glutammato. Le sue concentrazioni aumentano in conseguenza dello stimolo di altri neurotrasmettitori, come dopamina e oressina.

Alcuni consumatori presentano già alti livelli di glutammato nel cervello, specialmente chi soffre di ansia o disturbo ossessivo-compulsivo.

Assumere modafinil può spingerli oltre il limite, causandogli cefalee e altri effetti collaterali, come ansia e agitazione.

Un’altra causa della cefalea in concomitanza con l’assunzione di modafinil è la disidratazione. Spesso, i consumatori di modafinil si concentrano talmente tanto sui compiti a cui stanno lavorando da dimenticare di mangiare e bere, con conseguenti mal di testa da disidratazione.

Come evitarlo:

Il modo migliore per prevenire la cefalea dopo aver assunto modafinil è assicurarsi di bere molta acqua durante la giornata e adottare misure volte ad abbassare i livelli di glutammato.

Un ottimo modo per gestire i livelli di glutammato è assumere ogni giorno integratori di L-teanina. Questa sostanza è uno dei principi attivi del tè verde, ed è stato dimostrato che contribuisce a ridurre l’ansia [5].

3. Inappetenza

L’inappetenza non è un gran problema per i consumatori occasionali di modafinil, ma può diventarlo per chi lo assume ogni giorno.

Gli effetti stimolanti di modafinil sul sistema nervoso centrale possono sopprimere il senso di fame. Spesso, i consumatori segnalano che, nei giorni in cui assumono modafinil, non si rendono nemmeno conto di passare la giornata senza mangiare.

Solo la sera, quando gli effetti del farmaco sono svaniti, realizzano quanto sono affamati.

A lungo termine, l’inappetenza può comportare gravi problemi di salute.

Abbiamo bisogno di un’adeguata nutrizione per sviluppare neurotrasmettitori, globuli rossi, cellule epiteliali e persino per smaltire modafinil e altre sostanze attraverso il fegato. Se rimaniamo troppo a lungo senza un’adeguata nutrizione, tutti questi sistemi potrebbero iniziare a presentare disfunzioni e a causare dei problemi.

Come evitarlo:

L’inappetenza può essere un effetto collaterale difficile da evitare. Il metodo più comune per assicurarsi di mangiare abbastanza mentre si assume modafinil è impostare un timer per pranzo e cena che ci ricordi di mangiare regolarmente.

Ad alcuni potrebbe sembrare ridicolo, ma è molto più semplice dimenticarsi di mangiare quando non si ha minimamente appetito.

Un altro modo per assicurarsi una nutrizione sufficiente mentre si assume modafinil è avere sempre con sé frullati nutrienti o barrette energetiche. In questo modo è più facile nutrirsi adeguatamete anche se non si ha abbastanza fame da mangiare un intero pasto.

4. Diarrea

Anche la diarrea e lievi disturbi gastrointestinali possono essere degli effetti indesiderati comuni. Il problema riguarda una più lenta ripartizione di modafinil nel tratto intestinale, causando l’irritazione del relativo tessuto.

Inoltre, in alcune persone, l’attivazione del sistema di lotta o fuga con modafinil può causare un effetto stimolante sull’intestino tenue, con conseguente diarrea.

Come evitarlo:

Il modo migliore per evitare disturbi gastrointestinali di qualsiasi tipo è assicurarsi di assumere modafinil insiemeal cibo, specialmente ai prodotti alimentari contenenti grassi, come burro, olio d’oliva o grassi di origine animale.

Questo perché gli stessi cibi che permettono al grasso di entrare in circolo agiranno su modafinil. Essendo un composto liposolubile, modafinil segue lo stesso percorso di assorbimento nel tratto gastrointestinale dei grassi alimentari.

5. Ansia

Le persone ansiose mostrano spesso una maggiore attività dei neurostimolatori nel cervello. I neurotrasmettitori, come la norepinefrina, sono particolarmente numerosi nei soggetti ansiosi.

Per questo motivo è più comune, per le persone ansiose che assumono modafinil, notare un aumento dei sintomi dell’ansia.

Un modo comune per valutare l’attività cerebrale è misurare gli impulsi elettrici deboli nel cervello. È possibile farlo utilizzando un’attrezzatura medica specializzata chiamata elettroencefalogramma (EEG).

Esistono le onde theta, alfa e beta. Misurando la loro attività con un EEG, possiamo determinare qual è il nostro attuale stato mentale. Viene spesso utilizzato nell’ambito della ricerca scientifica per valutare in che modo le varie sostanze colpiscono il cervello.

Gli stati ansiosi sono spesso associati a una bassa attività delle onde alfa e un’elevata attività delle onde beta rilevate da un EEG. Questo ci offre un ottimo modo per misurare le sostanze che inducono o calmano l’ansia.

Come evitarlo:

La L-teanina è uno dei modi migliori per ridurre le possibilità di sviluppare ansia quando si assume modafinil. Gli studi hanno dimostrato che una singola dose di L-teanina può aumentare notevolmente l’attività delle onde alfa e ridurre i sintomi dell’ansia [6].

La L-teanina è utilizzata in modo analogo per ridurre gli effetti collaterali ansiogeni di un’altra comune sostanza eccitante, la caffeina.

Un altro modo per evitare l’ansia durante l’assunzione di modafinil è praticare tecniche di respirazione all’insorgere dei sintomi.

La respirazione è considerata dagli esperti il modo più efficace per assumere il controllo del sistema nervoso parasimpatico (PNS). Questa parte è direttamente contrapposta al sistema nervoso simpatico (SNS), che è responsabile dei sintomi dell’ansia quando diventa iperattivo.

Respirando lentamente per qualche secondo, possiamo inibire completamente gli attacchi ansia e raggiungere uno stato molto più tranquillo.

Per maggiori informazioni al riguardo, vi suggerimento di dare un’occhiata a questo video del dottor Gevirtz che spiega il concetto in modo più dettagliato.

6. Secchezza delle fauci

Un altro effetto collaterale piuttosto frustrante di modafinil è la secchezza delle fauci. Si tratta del risultato dell’iperstimolazione del nostro sistema nervoso centrale da parte del farmaco.

I recettori che stanno al di fuori del cervello, chiamati recettori muscarinici, vengono innescati dalla norepinefrina. Essi bloccano qualsiasi secrezione digestiva, in modo tale che l’energia possa essere dirottata verso zone più critiche, come il cervello e i muscoli.

Il nostro organismo mette in atto tutto questo durante la risposta di lotta o fuga per aiutarci a scappare da una tigre affamata o da altre situazioni pericolose.

La saliva è considerata una secrezione digestiva e, se smette di defluire, può causare un’eccessiva secchezza delle fauci. Per brevi lassi di tempo, non è niente di più di un fastidio, ma se dura molto, possiamo iniziare ad avere problemi, come ulcere della bocca, e sintomi di cattiva digestione, come costipazione o diarrea.

Come evitarlo:

La soluzione è la stessa di quella dei tanti altri effetti collaterali menzionati. Se rimaniamo rilassati, con integratori come la L-teanina o tecniche di rilassamento come gli esercizi di respirazione, possiamo impedire l’iperattivazione della nostra risposta di lotta o fuga.

Altri effetti collaterali più seri di cui essere a conoscenza:

Benché molto più rari, esistono alcuni effetti collaterali gravi derivanti dall’uso di modafinil. Se si manifestano alcuni di questi sintomi, è importante consultare un medico il prima possibile.

Tra gli effetti collaterali più gravi di modafinil figurano:

1. Febbre

Si tratta di un’attivazione eccessiva del sistema nervoso simpatico. L’ipotalamo perde praticamente il controllo dell’omeostasi. Se non viene controllato in modo efficace, comporterà conseguenze molto più gravi, come alterazioni del pH ematico, rottura degli enzimi e crisi epilettiche.

Si può evitare bevendo molta acqua e rispettando le dosi raccomandate di modafinil stabilite dal produttore.

2. Allucinazioni

Sono indice di una disfunzione neurologica molto più profonda.

Modafinil NON DOVREBBE causare allucinazioni. Se manifestate questi effetti collaterali, consultate immediatamente un medico.

3. Depressione grave

In realtà, modafinil viene utilizzato come trattamento per la depressione; tuttavia, in alcuni casi, i livelli di dopamina possono calare man mano che gli effetti del farmaco tendono a svanire.

È possibile evitarlo assicurandosi di non assumere modafinil in concomitanza con altri farmaci o alcolici, e solo se si gode di buona salute mentale. Se soffrite di depressione, è importante consultare il vostro medico prima di assumere modafinil.

4. Dolore al petto

Pur non essendoci riscontri di infarti dovuti a modafinil, qualsiasi dolore al petto relativamente insolito deve essere valutato da un medico. Teoricamente, potrebbe essere dovuto agli effetti stimolanti del modafinil sul sistema nervoso centrale, anche se è molto raro.

5. Reazione cutanea grave

Questa condizione è rara, ma determinati soggetti hanno segnalato reazioni cutanee gravi a seguito dell’assunzione di modafinil.

Alcuni consumatori sono allergici a modafinil, pertanto l’assunzione del farmaco gli causa eruzioni cutanee. Si tratta della cosiddetta Sindrome di Steven-Johnson.

È fondamentale che chiunque manifesti questi sintomi consulti immediatamente un medico.

Conclusione

Modafinil è un noto farmaco per favorire lo stato di veglia e migliorare la produttività. Benché rari, possono verificarsi alcuni effetti collaterali a seguito della sua assunzione.

I più comuni sono insonnia e cefalea. Questi effetti collaterali e la maggior parte degli altri sono il risultato dell’iperstimolazione del sistema nervoso centrale e della disidratazione.

Il modo migliore per evitarli è assicurarsi di bere molta acqua e svolgere attività rilassanti mentre il farmaco è attivo. Integratori di L-teanina, regolari pause dal lavoro ed esercizi di respirazione possono essere degli ottimi mezzi per mantenere la calma, senza vanificare gli effetti benefici del farmaco.

È inoltre importante sapere quali sono gli effetti collaterali più gravi e quando è necessario rivolgersi a un medico.

Modafinil e Coronavirus COVID-19

Come affermato molte volte prima, non sono un medico. Né uno scienziato. Eppure non ci vuole genio per realizzare. Perché non sono state condotte ricerche sul modafinil e sul nuovo coronavirus (Covid-19). Una risposta onesta, nessuno sa come interagisce il coranavirus con modafinil.

Innanzitutto, resta a casa e cerca di lavorare anche a casa. Tu e tutti i membri della vostra famiglia dovreste rimanere a casa. Non andare al lavoro, a scuola o nelle aree pubbliche, non guidare e non usare Uber, i trasporti pubblici o i taxi. Se senti sintomi comuni di coronavirus (COVID-19), non dovresti uscire nemmeno per comprare cibo o altri elementi essenziali, oltre all’esercizio fisico, e in quel caso a una distanza di sicurezza dagli altri, questo aiuterà a controllare la diffusione del virus .

Con la quarantena COVID-19 in arrivo per alcuni, avere un po ‘di modafinil a portata di mano sarebbe l’ideale. Potremmo avere un sacco di tempo libero extra per fare le cose nelle prossime settimane. E non c’è dubbio che modafinil ti aiuti! Se hai più di 3-4 mesi di fornitura di Modafinil in questo momento, acquistare in questo momento non è essenziale. Probabilmente sei pronto. Se non lo fai e stai cercando di fare scorta prima che la “crisi della Corona” inizi potenzialmente con un’altra marcia, stiamo per offrire qualcosa.

Nota che i sintomi più comuni di coronavirus (COVID-19) sono nuova tosse continua e / o temperatura elevata. Per la maggior parte di noi, COVID-19 sarà solo una malattia lieve [8]. Rimani sano e salvo là fuori!

Riferimenti

  1. Scammell, T. E., Estabrooke, I. V., McCarthy, M. T., Chemelli, R. M., Yanagisawa, M., Miller, M. S., & Saper, C. B. (2000). Hypothalamic arousal regions are activated during modafinil-induced wakefulness. Journal of Neuroscience, 20(22), 8620-8628.
  2. Lin, L., Faraco, J., Li, R., Kadotani, H., Rogers, W., Lin, X., … & Mignot, E. (1999). The sleep disorder canine narcolepsy is caused by a mutation in the hypocretin (orexin) receptor 2 gene. Cell, 98(3), 365-376.
  3. Thakkar, M. M. (2011). Histamine in the regulation of wakefulness. Sleep medicine reviews, 15(1), 65-74.
  4. Ishizuka, T., Sakamoto, Y., Sakurai, T., & Yamatodani, A. (2003). Modafinil increases histamine release in the anterior hypothalamus of rats. Neuroscience letters, 339(2), 143-146.
  5. Kimura, K., Ozeki, M., Juneja, L. R., & Ohira, H. (2007). L-Theanine reduces psychological and physiological stress responses. Biological psychology, 74(1), 39-45.
  6. Juneja, L. R., Chu, D. C., Okubo, T., Nagato, Y., & Yokogoshi, H. (1999). L-theanine—a unique amino acid of green tea and its relaxation effect in humans. Trends in Food Science & Technology, 10(6-7), 199-204.
  7. Redmond Jr, D. E., & Huang, Y. H. (1979). II. New evidence for a locus coeruleus-norepinephrine connection with anxiety. Life Sciences, 25(26), 2149-2162.
  8. Stay at home: guidance for households with possible coronavirus (COVID-19) infection Published online 2020 Mar 18. www.gov.uk

Sorry, you cannot copy the content of this page

COVID-19 Update 😷 Shipments have been resumed >